top of page

Agenzia delle Entrate e Decreto Rilancio: il contributo a fondo perduto

Il Decreto Legge 19 maggio 2020 n. 34 "Misure urgenti in materia di salute, sostegno al lavoro e all'economia, nonché di politiche sociali connesse all'emergenza epidemiologica da COVID-19", cd. Decreto Rilancio, prevede all'art. 25 un contributo a fondo perduto al fine di sostenere i soggetti colpiti dall'emergenza epidemiologica da Covid-19.


Di seguito, schematicamente i dettagli del contributo.


I destinatari del contributo sono i soggetti esercenti l'attività di impresa e di lavoro autonomo (con ricavi o compensi nel periodo d'imposta precedente non superiori a 5 milioni di euro) e di reddito agrario, titolari di partita IVA.


Sono esclusi dal beneficio:

- soggetti con attività cessata alla data di presentazione dell'istanza

- enti pubblici di cui all'art. 74 TUIR

- intermediari finanziari e società di partecipazione

- soggetti che percepiscono indennità di cui agli artt. 27 e 38 D.L. 18/2020

- lavoratori dipendenti e professionisti iscritti agli enti di diritto privato di previdenza obbligatoria di cui ai D.Lgs. 509/1994 e 103/1996


Il contributo spetta ai soggetti sopra indicati se presentano fatturato e corrispettivi di aprile 2020 inferiori ai 2/3 di quelli di aprile 2019 e si calcola applicando una percentuale alla differenza tra ammontare del fatturato e dei corrispettivi di aprile 2020 e ammontare del fatturato e dei corrispettivi di aprile 2019.

In ogni caso il contributo sarà riconosciuto per un importo non inferiore a € 1.000,00 per le persone fisiche e ad € 2.000,00 per i soggetti diversi dalle persone fisiche.


Il contributo non concorre alla formazione della base imponibile delle imposte sui redditi, non rileva ai fini del rapporto di deducibilità di cui agli artt. 61 e 109 co. 5 TUIR e non concorre alla formazione del valore della produzione netta ai fini IRAP.


Il contributo sarà richiesto mediante istanza da presentare all'Agenzia delle Entrate entro 60 giorni dalla data di avvio della procedura telematica secondo quanto previsto da apposito provvedimento che sarà emanato a breve dalla stessa Agenzia.


Il contributo sarà accreditato direttamente sul conto corrente del beneficiario.




Per ulteriori informazioni è possibile contattare lo Studio



Post recenti

Mostra tutti
bottom of page